Come vincere le proprie insicurezze

Siamo chiamati “generazione narcisista”. Ci è stato detto che la tecnologia e i social media ci stanno dando un senso di finto, di falso. La maggior parte di noi non va in giro con la sensazione che siamo tutti così grandi. In realtà, c’è un sentimento di fondo che dà forma schiacciante alla nostra immagine e che influenza il nostro comportamento: l’insicurezza.

Perché siamo così insicuri? Quali sono le sue cause?

C’è un dialogo interiore che accompagna i nostri sentimenti, la “voce critica interiore”. E’ una cosa che ci viene da esperienze dolorose cui abbiamo assistito o che abbiamo sperimentato – atteggiamenti offensivi verso noi o chi ci è vicino. Man mano che cresciamo, inconsciamente, adottiamo e integriamo questo modello di pensiero distruttivo verso noi stessi e verso gli altri.

Immaginate un bambino che viene sgridato da un genitore che gli dice “non capisci?”, “Guardati, fai schifo!”, “Sei incapace!!!”. Questi atteggiamenti influenzano il bambino e influenzeranno il futuro adulto. Un genitore invadente porta i bambini ad essere introversi o autosufficienti. La ragione di questo è che i bambini devono sentirsi visti per quello che sono.

Partendo da questo motivo, e crescendo, è normale avere problemi di insicurezza che sembrano diventare più grandi mano a mano che andiamo avanti, anche su problemi che sono solitamente non grandissimi, come l’acne o la balbuzie. L’insicurezza ci può influenzare in innumerevoli settori della nostra vita. Ci si può sentire abbastanza fiduciosi sul posto di lavoro, ma completamente persi nella vita personale o viceversa.

Quando si capisce la provenienza dell’insicurezza e su che cosa essa influisce, si può iniziare a sfidarla.

Possiamo cominciare sviluppando un processo di voce critica interiore che mira a coinvolgere ed eliminare i pensieri autocritici in seconda persona, o meglio, ad affrontarli in un’altra ottica, di terza persona.

Il passo più importante di tutti, dopo aver analizzato le aree della propria vita sulle quali tale insicurezza influisce di più, consiste nel fare un piano per cambiare i comportamenti negativi. Se l’insicurezza ti impedisce di chiedere aiuto a qualcuno, è il momento di agire. Se indulgi in pensieri autolesionisti è il momento di interromperli e far uscire fuori il vero te.

Questo processo non sarà facile e porterà sicuramente ansia, ma è fondamentale per stare meglio.