Recensione Be2

Fare incontri sulla rete riguarda un processo completamente opposto a quanto succede casualmente; un esempio di quanto appena affermato si concretizza in Be2, un sito che si occupa di Dating Online. I veterani del sito in oggetto certamente conosceranno l’elemento che distingue Be2 dai propri rivali: quest’ultimo, infatti, propone ai nuovi iscritti uno specifico test della personalità, in maniera completamente gratuita; Be2, perciò, lascia sottintendere che la psicologia corrisponde allo strumento più idoneo all’individuazione del proprio partner ideale.

Come qualunque altro sito d’incontri, anche Be2 si suddivide in una modalità gratuita ed una seconda a pagamento. La prima tra le due assicura una libertà di movimento piuttosto ristretta, in quanto permette di caricare cinque sole foto, migliorare il proprio profilo arricchendolo di dettagli, ed infine di accedere alla lista di profili potenzialmente compatibili con il proprio; la modalità a pagamento, altrimenti conosciuta come abbonamento premium, permette di gestire in maniera illimitata il campo della messaggistica e di visualizzare con maggior chiarezza le foto degli altri utenti, le quali nella modalità gratuita appaiono come sfocate. Un dettaglio alquanto rilevante incluso nell’abbonamento premium, inoltre, equivale alla garanzia di dieci contatti. Indipendentemente dalla durata prevista per l’abbonamento, infatti, la stessa avrà la facoltà di estendersi per l’arco temporale necessario alla presa di posizione dei dieci contatti.

Esaminando approfonditamente i pregi ed i difetti di Be2, al sito non può essere in alcun modo negata l’attenzione con la quale profili di varia natura vengono esaminati e successivamente accostati l’uno all’altro: qualora un dato soggetto non riponga la benché minima fiducia nella psicologia come strumento per innamorarsi, il ragionamento appena descritto naturalmente perde di valore. In linea di massima, ciascuno dei servizi proposti da Be2 appare come attendibile; contrariamente agli evidenti pregi, alcuni clienti non hanno mancato di segnalare alcune difficoltà intercorse in fase di recessione dall’abbonamento: tale condizione ha avuto modo di verificarsi soprattutto tra quella fascia di utenti che hanno scelto di sottoscrivere l’abbonamento via fax. Quanto appena constatato, perciò, impone di associare all’apparente efficienza del servizio uno specifico ostacolo economico. La valutazione complessiva che ne emerge equivale perciò alla sola sufficienza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *